I doveri di due bravi genitori

Io: “Che facciamo? Andiamo a fare una passeggiata?”

Lui: “Si dai, è presto; scendiamo qua sotto.”

Prendiamo Bambola, giacche e passeggino.

Accompagnati da due assolutamente necessarie lettere “O” di plastica colorata infilate nelle dita, cominciamo a girovagare per il quartiere, indici in su.

foto

Verso la fine del giretto ci fermiamo in uno dei nostri soliti posti: la chiesa sotto casa circondata da uno splendido giardino con tanto di fontana, nella quale Bambola è praticamente cresciuta.

Ma è proprio lì che si verifica LA TRAGEDIA.

Nell’uscire dalla suddetta chiesa, Bambola pronuncia le seguenti parole: “Let-te-ra pic-ccccc-co-la dov’è?”

Io e Lui ci scambiamo uno sguardo terrorizzato.

C’è solo un’ipotesi possibile: l’ha persa.

Da qualche parte fra la il giardino della chiesa e la strada sotto casa.

Fra i sanpietrini.

Panico.

Lei già urla di disperazione.

E’ l’imbrunire.

E noi abbiamo al massimo un quarto d’ora prima che calino le tenebre e che il cancello della chiesa venga chiuso.

Spinti da un anelito di eroismo/disperazione, approntiamo una strategia per la missione infallibile che ci accingiamo a compiere.

Lui tira fuori l’I-Phone manco fosse una 44 Magnum.

Lo impugna.

Applicazione: torcia

Color: white

Power: maximum

Puntando l’arma verso il terreno, scandagliamo a ritroso il percorso, facendo bene attenzione a tornare sui nostri passi.

Nel frattempo Bambola urla “Cec-cc-cc-chia-mo il Piccolo!” (leggi: mamma! Papà! Insomma! Ritrovatemi quella benedetta lettera, quella piccola viola, non quella grande blu che è ancora in mio possesso saldamente infilata nel mio dito indice sinistro! Insomma, è mai concepibile che non sia fattibile per ben due genitori, portare a compimento una operazione così semplice’!)

Noi trafelati continuiamo nelle ricerche, simpaticamente ed elegantemente piegati ad angolo retto, in giro per la piazza.

Lui la trova.

Felice e orgoglioso la porge alla Bambina tutta soddisfatta.

Ripartiamo.

Dopo manco 3 minuti tuona nuovamnte: “Let-te-ra pic-ccccc-co-la dov’è?”

Io e Lui siamo a quel punto nel panico più totale.

E’ quasi buio.

foto-4

Sappiamo che dobbiamo giocarci il tutto per tutto.

Come due matti, curvi sul pavimento ricominciamo da capo l’intera operazione.
Ma a quel punto, vista l’esiguità del tempo a nostra disposizione, ci dividiamo: io e Bambola sul passeggino entriamo nel giardino della Chiesa prima che vengano serrati i cancelli.

Lui resta sulla piazza illuminata a giorno dalla 44 Magnum .

Noi falliamo miseramente e ci cacciano dal giardino chiudendo il chiavistello alle nostre spalle.

Uscendo trovo Lui e una signora mossa a compassione, ricurvi sui sanpietrini con i cellulari puntati a 30 cm dal terreno.

Io sono la prima a rinunciare. Prendo Bambola e, facendo finta di continuare a cercare, mi appropinquo verso casa.

Lui e la signora ricurva continuano nella missione. A loro si unisce un egiziano che passava di lì.

Dopo 30 minuti torna a casa mortificato: la “O” fuggitiva è scomparsa, dileguata, dissolta.

La missione impossibile è fallita.

Peccato che Bambola ormai da tempo aveva dimenticato tutto, distratta da un piatto di ravioli al pomodoro fumanti.

Annunci

8 pensieri su “I doveri di due bravi genitori

  1. Ahah me capitata una cosa simile con l’ elefante preferito…solo che la mia piccina ha 14 mesi e non soffoca,una,parola ed io a far avanti ed indietro a cercare anche noi tra chiesa e centro…ed è perso..ma,me dispiaciuto molto perché lo teneva stretto stretto sempre:-() Maeravigliosi voi.

  2. A noi e’ capitato 2 anni fa con Y-ho, asinello transazionale di tutta la famiglia. Ritrovato il giorno dopo averlo perso , nella vetrina di un negozio. Teneva fra le zampe un cartello: “mi sono perso! Aiutatemi a ritrovare il mio bambino”. Abbiamo esultato! Viviamo ancora tutti assieme. E siamo felici.

  3. mitici tutti! se ti consola ho vissuto cose del tipo diverse volte: a Cla manca sempre qualcosa e se non si trova esattamente quella…sò cavoli…;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...