La magia di un ricordo

campodeifiori

Fino a un po’ di tempo fa avevo questa abitudine: ogni anno, la sera della vigilia, appena un paio d’ore prima del cenone, mi incontravo con gli amici più cari sotto la statua di Giordano Bruno a piazza Campo de’ Fiori, in uno dei posti più belli di Roma.
Non c’era bisogno di un appuntamento: naturalmente intorno alle 18:30 si vedevano comparire nel buio della notte, circondate dalle lucine delle decorazioni natalizie, le facce di sempre.
Qualcuno portava delle candele che accendevamo ai piedi della statua, qualcun altro comprava delle scaglie di parmigiano, e altri ancora andavano a reperire un paio di bottiglie di vino rosso nella vineria di fronte.

Era un momento per noi tutti molto speciale.

Lì, al cospetto di un grande uomo di un tempo, consumavamo la nostra gioventù, intirizziti dal freddo, mentre alcuni passanti ritardatari si affrettavano ad acquistare gli ultimi regali.
Pian piano la piazza si svuotava fino a diventare semi deserta, e spesso offrivano da bere a qualche senzatetto che, solo, continuava indifferente ad abitarci lì, su quei sanpietrini gelati.
Poi verso le 20, così come eravamo arrivati, ognuno prendeva una direzione, e se ne andava un po’ brillo ma felice, in una Roma solitaria, verso il calore affollato delle proprie case.
Col tempo, con la nascita delle famiglie e poi dei figli, quella tradizione è andata scemando fino a scomparire.

Sono ben 2 anni che non vedo Giordano Bruno la notte di Natale. E mi manca.

Si sa, le cose cambiano, e forse è anche giusto che sia così.

Ma se è vero che la vita si trasforma, è altrettanto vero che le cose belle vanno custodite e coltivate.

Per questo motivo ho deciso che passerò quella tradizione a Giulia.

L’anno prossimo chi vorrà, ci troverà lì sotto, magari un po’ infreddolite, ai piedi di un filosofo, con qualche candela accesa e il naso puntato verso le stelle.

La porterò proprio nell’anima della sua città e le regalerò un ricordo.
Perché c’è sempre posto per la magia  nel cuore di una bambina.

E anche in quello di una mamma.

.

.

ps: questo post è dedicato ai miei amici di sempre.

Annunci

4 pensieri su “La magia di un ricordo

  1. Vero. Quello è uno dei posti più belli di Roma in assoluto. Mi emoziono spesso quando ci vado. Sarà impossibile non pensare a questo tuo post adesso…un abbraccio enorme..Buon 2013..col cuore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...