Il mare d’inverno

Quando un giorno di quasi inverno vai al mare con la famiglia (cani compresi) e mangi sulla spiaggia in una splendida giornata di sole, e poi cammini sulla riva tenendola per mano (perché lei ormai cammina da sola);

quando per la prima volta al ristorante ordini un piatto proprio per lei e sai che può mangiarlo senza problemi perché il tempo delle pappe è finito;

quando la vedi crollare in macchina dalla stanchezza dopo una giornata per lei tanto impegnativa anche se non si è fatto granché;

quando poi torni a casa e mentre organizzi la serata, lei ti prende per mano e ti porta nella sua cameretta dicendo “gioc-cchia-mo”;

quando esci a comprare il latte per la colazione e vedi tre giovani ragazzi rigidissimi in un angolino di un vicolo, li oltrepassi e dall’odore nonché dall’atteggiamento chiaramente colpevole, intuisci che si stanno fumando una canna e tu passi oltre sorridendo, senza neanche guardarli perché hai capito…

Beh! Girando la chiave di casa,

pensi di essere un po’ vecchia e un po’ ancora molto giovane.

Annunci

3 pensieri su “Il mare d’inverno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...